30-modi-scimmia

Esercitarsi imparando serve più che esercitarsi e basta: tiene in salute il cervello e aiuta a vedere connessioni prima invisibili.

Meglio un talent show o fare brain training? Domanda sbagliata: certo, gli esercizi per migliorare la memoria sono più utili allo sviluppo mentale che non guardare X Factor. Ma il massimo che possono ottenere è consentire un più facile e veloce accesso a conoscenze che già sono archiviate nel vostro cervello. Se l’informazione non c’è, nessun esercizio di brain training riuscirà a farvi capire perché la crisi economica sta massacrando l’Europa, il senso del “dito medio” dello scultore Maurizio Cattelan installato davanti alla Borsa di Milano o, più banalmente, che cosa può mandare in bestia il vostro capo (o fargli apprezzare il vostro lavoro).

Insomma: è molto meglio esercitare il cervello con conoscenze nuove, piuttosto che con tutto ciò che già conosciamo. In questo modo si può ottenere di essere più “intelligenti”, nel senso di più capaci di creatività o di cogliere collegamenti prima invisibili.

IL QUOZIENTE DI INTELLIGENZA. Gli studi sull’intelligenza hanno fatto molti passi avanti e la lista di 30 attività stimola-intelligenza che trovate qui sotto ne è una prima sintesi.

Il quoziente di intelligenza, che si pensava rimanesse lo stesso dall’infanzia in poi, può invece crescere (o diminuire) nel corso di tutta la vita. Secondo uno studio dell’University College of London, pubblicato sulla rivista Nature, può crescere anche di 21 punti, o crollare di 18. Questa ricerca, insieme agli studi sulla neuroplasticità del cervello, secondo i quali si possono creare nuovi neuroni anche a più di 70 anni, prova che possiamo migliorare l’intelligenza in qualsiasi fase della nostra vita.

MUOVITI E IMPARA….continua su http://www.focus.it/comportamento/psicologia/30-modi-per-diventare-piu-intelligenti-articolo