In Italia è difficile accedere all’interruzione volontaria di gravidanza, regolata dalla legge 194, a causa “dell’elevato numero di medici” obiettori di coscienza “che rifiutano di praticare aborti per ragioni di coscienza”.

Lo scrive il Comitato diritti umani dell’Onu nelle sue ‘osservazioni conclusive’ del 2017 sul nostro Paese. Il risultato di tutto questo è “un numero significativo di aborti clandestini”…continua su:  www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2017/03/28/aborto-onu-italia-accesso-difficile-troppi-medici-obiettori_MelIhGivPvQqPuySOM1IrK.html