Un nuovo rapporto commissionato da Alzheimer’s Research Uk mostra che i farmaci per arrestare, rallentare o invertire la malattia neurodegenerativa potrebbero essere disponibili in meno di tre anni, mentre lo screening e un vaccino ad hoc per gli over 50 dovrebbero arrivare entro un decennio. A un costo, nel caso del vaccino, che potrebbe superare i 10 mld di euro. Secondo gli esperti, inoltre, “la platea dei possibili pazienti potrebbe essere talmente enorme che occorre fin da subito assicurare la disponibilità di fondi per il Nhs”.

L’associazione ha commissionato a un team della London School of Economics di realizzare un modello dell’impatto economico di 5 ipotetici trattamenti anti-Alzheimer. Attualmente sono 12 i farmaci allo studio contro la malattia nella pipeline di ‘Big Pharma’. Altra strada percorsa dagli scienziati per contrastare l’Alzheimer sono i trattamenti simil-vaccino – spiega lo studio – che funzionano più o meno come una statina ma per il cervello. Questi trattamenti sono attualmente in una fase iniziale di sviluppo. Il rapporto stima che un eventuale ‘vaccino’ potrebbe prevenire il 70% dei casi di Alzheimer.

“Il discorso sulla disponibilità futura di nuove terapie farmacologiche contro questa malattia non deve più iniziare con un ‘se arriveranno’ ma con ‘quando’ arriveranno”…..Continua su AdnKronos>>