Quando i figli biascicano una giustificazione pretesa dai genitori non significa che siano davvero dispiaciuti. Mettersi nei panni degli altri, però, si può insegnare. Ecco come

Una dinamica classica nelle relazioni tra bambini riguarda le scuse: vostro figlio fa qualcosa di sbagliato, come ad esempio colpire la sorella o urlare contro un amico, voi lo incoraggiate a chiedere scusa, lui si rifiuta e infine a malapena biascica “scusa”. Una parola che – i genitori lo sanno – in quel momento non ha per i piccoli alcun significato, men che meno di reale rincrescimento o di empatia.

Un aspetto che prolude al successo

Come possiamo insegnare ai bambini “a non farlo più”, ma anche ad entrare in sintonia con la persona cui “fanno del male”? «La cosa più importante che dobbiamo insegnare ai nostri figli è l’educazione emotiva»….

Continua su: www.corriere.it/salute/pediatria/16_agosto_09/chiedere-scusa-non-basta-come-insegnare-bambini-l-empatia-22ac43de-5e46-11e6-bfed-33aa6b5e1635.shtml?intcmp=exit_page