Gli stati devono garantire protezione dati su salute assicurati (ANSA)

Proibire alle compagnie di assicurazione di utilizzare e richiedere test genetici per determinare se concedere o meno una polizza, determinare il premio assicurativo e l’indennizzo. È quanto viene chiesto dal Consiglio d’Europa – per la prima volta in un testo ‘legale’ approvato oggi sotto forma di raccomandazione da parte del comitato dei ministri – per garantire la protezione dei diritti degli assicurati, in particolare per quanto riguarda l’utilizzo dei dati sulla loro salute.

La raccomandazione del comitato dei ministri indica la strada migliore per proteggere i diritti delle persone in un mercato assicurativo globale”, ha rilevato Thorbjorn Jagland, segretario generale del Consiglio d’Europa, commentando il testo approvato oggi. “I governi hanno l’obbligo di garantire che nessuno sia discriminato sulla base di questi dati, in particolare sulla base delle proprie caratteristiche genetiche”.

A fissare i paletti sull’utilizzo dei test genetici predittivi, che devono servire solo a fini medici o di ricerca medica, è l’articolo 12 della Convenzione sui diritti dell’uomo e la biomedicina del Consiglio d’Europa, detta convenzione di Oviedo….continua su: www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/salute/2016/10/26/stop-test-genetici-assicurazioni_2e9284ad-b349-401b-ab45-53313ecb98f8.html