Stimolando le cellule staminali presenti nella polpa dentaria è possibile ricostituire la struttura originaria del dente, con il rispristino dello strato naturale di dentina che lo protegge. La nuova tecnica promette di evitare il ricorso a materiali artificiali, che si degradano molto più facilmente, rivoluzionando la pratica odontoiatrica in tempi relativamente brevi  – Le Scienze

Una nuova tecnica che prevede la stimolazione delle cellule staminali presenti nella polpa dei denti promette di cambiare significativamente il lavoro del dentista. A sperimentarla è un gruppo di ricercatori del Dental Institute del King’s College di Londra, che firmano un articolo pubblicato su “Nature Scientifica Reports”. Traumi o infezioni come la carie possono fratturare o erodere lo strato esterno protettivo del dente, la dentina, esponendone la delicata parte interna, la polpa dentaria, a infezioni più gravi, che possono rapidamente portare alla sua perdita. Per evitarlo, oggi i dentisti usano cementi o particolari resine per otturare le cavità .   Articolo su: www.lescienze.it/news/2017/01/10/news/staminali_otturazioni_denti_dentina-3376215/