Oggi il “World Cancer Day”: aumenta il numero di chi vince la malattia con diagnosi precoci e cure mirate. Ma sulla prevenzione si deve fare di più

Un italiano su 20 convive con una diagnosi di tumore: sono 3,3 milioni le persone che si sono lasciate il cancro alle spalle e, di queste, circa 900mila si possono considerare guarite. Risultati incoraggianti che rendono «We can. I can» – il motto del World Cancer Day che si celebra oggi nel mondo – molto più di un auspicio.

Nel 2030 il cancro sarà la principale causa di morte nel mondo. Nel 2017, solo in Italia, si sono stimati 369 mila casi. L’incidenza dei tumori è in aumento, complice l’invecchiamento della popolazione, gli stili di vita e le diagnosi precoci. Ma grazie ai progressi della ricerca la mortalità è in calo e il tasso di sopravvivenza è aumentato. In media il 63% delle donne e il 54% degli uomini sconfiggono la malattia, ma la situazione migliora guardando agli under 45, dove a vincere il cancro sono l’86% delle donne e il 79% degli uomini. Per questo sempre più attenzione è posta alla qualità della vita dopo il cancro. ,,,

Leggi l’articolo su La Stampa: www.lastampa.it/2018/02/04/societa/guarire-WNunGKgsfl27V9StoVbPiO/pagina.html