Grazie a stili vita; 26 mln nuovi casi entro 2030 se non si agisce (ANSA)

Nella lotta al ‘big killer’ di tutti i tempi, il cancro, sono tanti e notevoli i passi avanti fatti nella diagnosi e la cura, ma è sul fronte della prevenzione che un maggiore slancio è oggi necessario, considerando che oltre 1 tumore su 3 si può prevenire proprio attraverso i corretti stili di vita, a partire da alimentazione e ‘no’ al fumo. E’ il messaggio lanciato, quest’anno, dalla Giornata mondiale contro il cancro che si celebra il 4 febbraio e che ha un motto emblematico: ‘We can. I can’, ovvero ‘Noi possiamo. Io posso’.

Tema dell’edizione 2017 della Giornata mondiale – promossa dall’Unione Internazionale Contro il Cancro (Uicc), organizzazione non governativa che rappresenta associazioni impegnate contro la malattia in oltre cento Paesi, e sostenuta dall’Organizzazione mondiale della sanità – è proprio ‘Combattere il Cancro con la Prevenzione’ e lo slogan ‘We can. I can’, sottolinea la Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt), “indica l’opportunità che tutti hanno di prendere parte alla battaglia contro il cancro. Anche una singola persona può infatti fare la differenza, perché è solo attraverso una compatta mobilitazione civile che si può vincere quello che un tempo era chiamato ‘male incurabile'”. Ed oggi infatti, ribadiscono gli oncologi, il cancro è sempre di più una malattia ‘cronica’ con cui si convive e dalla quale si può guarire, tanto che il tasso di guaribilità è passato dal 40% del 2000 al 61% attuale (con punte del 90% per cancro al seno e alla prostata)…..continua su: www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2017/01/30/ansa-giornata-mondiale-contro-cancro-1-tumore-su-3-si-previene_d15703bf-5dd2-412e-8da8-e97806f7101b.html