La macchia è stata rimossa. L’atleta sui social ringrazia l’anonimo spettatore: «Vorrei dire grazie a chi ha visto e spedito la mail al medico della nazionale di nuoto». In Australia i tumori della pelle sono molto diffusi

La fidanzata? L’allenatore? Un compagno? Lo specchio? Macché: ad allertare Mack Horton che quel «neo» sul petto era un po’ sospetto è stato un anonimo spettatore. Uno sconosciuto davanti alla tv. «Uno che stava guardando le Olimpiadi — ha raccontato stupito il nuotatore australiano all’Herald Sun —. Dev’essere un esperto della pelle, un dermatologo o qualcosa del genere. Lo ringrazio con tutto il cuore. E lo invito a farsi avanti. Per sdebitarmi gli faccio una lezione di nuoto gratis». Come minimo, un corso…

continua su: www.corriere.it/salute/sportello_cancro/16_ottobre_23/nuotatore-salvato-un-fan-attento-quel-neo-sospetto-f948fe92-9955-11e6-8bff-dd2b744d8dfe.shtml