Rapporto salute mentale 2016, ma ricorso a ricovero solo per 13% casi

Nevrosi, attacchi di panico, stati d’ansia: ad intasare i Pronto soccorso sono anche gli italiani colpiti da disturbi psichiatrici di questo tipo, che non necessitano di un ricovero e che potrebbero essere invece trattati in modo più mirato dalla rete dell’assistenza territoriale. A rivelarlo è l’ultimo Rapporto sulla salute mentale pubblicato dal ministero della Salute: nel 2016, infatti, sono state circa 600mila le persone arrivate in Pronto soccorso per patologie psichiatriche, ma solo in una ridotta percentuale di casi si è reso necessario il ricovero ospedaliero.

“Gli accessi al Pronto Soccorso per disturbi psichiatrici – spiega lo psichiatra Massimo Cozza, coordinatore del Dipartimento di Salute Mentale dell’ASL Roma 2, il più grande d’Italia con circa 1,3 milioni di abitanti – nel 2016 sono stati 575.416, pari al 2,8% del numero totale di accessi…Continua su ANSA>>