ISCRIZIONE

SABATO 24 SETTEMBRE
ore 09.00 – 11.00

Una sanità moderna, efficace e di qualità, dipenda anche e soprattutto dalla disponibilità di strumenti tecnologici adeguati. Favorire l’innovazione in sanità non significa solamente governare quanto di più moderno e innovativo il mercato offra, ma significa soprattutto fare innovazione, ponendosi il problema del rinnovo del parco tecnologico installato.
L’ingresso dell’innovazione nelle strutture sanitarie non può prescindere da una riflessione continua sull’adeguatezza delle tecnologie presenti. Non esclusivamente delle grandi tecnologie, che rappresentano solo parzialmente il patrimonio tecnologico italiano, ma anche di tutte le medie e piccole apparecchiature che sono parte integrante di strutture sanitarie avanzate ed efficienti.
Cercheranno di rispondere a questi interrogativi i principali professionisti del settore, quali clinici, istituzioni, tecnici ed economisti, che porranno l’accento sulle migliori politiche di rinnovo del parco tecnologico elettromedicale italiano.

A cura di AIIC (Associazione Italiana Ingegneri Clinici)

Modera Walter GattiGiornalista
Lorenzo Leogrande Presidente AIIC

Intervengono
IL CONFLITTO QUOTIDIANO TRA NECESSITÀ E DISPONIBILITÀ TECNOLOGICHE
Antonio Corcione – Presidente Siarti

LO STATO DI “SALUTE” DEL PARCO TECNOLOGICO ELETTROMEDICALE ITALIANO
Fernanda Gellona – Direttore Generale Assobiomedica

GLI STRUMENTI ISTITUZIONALI PER LA RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI SULLE GRANDI APPARECCHIATURE
Claudia Biffoli – Ministero della Salute- Direzione generale del Sistema Informativo

INCENTIVI ALL’INNOVAZIONE TECNOLOGICA TRA OBSOLESCENZA E RISCHIO CLINICO: UNA PANORAMICA DEI PRINCIPALI PAESI EUROPEI
Stefano Bergamasco – Vice Presidente AIIC

PANORAMICA SU STRUMENTI (ES EX ARTICOLO 20, FONDI AD HOC, ECC) ISTITUZIONALI ED INIZIATIVE REGIONALI IN CORSO
Giovanni GuizzettiAIIC
Emilio ChiarollaAIIC

MODELLI INNOVATIVI DI FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI TECNOLOGICI IN SANITÀ
Veronica VecchiSDA Bocconi

 

doctor-1461911819vsr