I geni dei neuroni di una piccola regione del cervello coinvolta nella gestione dello stress, il locus coeruleus, si attivano in modo molto diverso nei maschi e nelle femmine di topo. La scoperta – fatta da un gruppo di ricercatori della Washington University School of Medicine a St. Louis, in Missouri e pubblicata su “Cell Reports” – potrà avere importanti ricadute sullo studio dei disturbi dell’umore e delle loro terapie.

Il locus coeruleus è una piccola struttura cerebrale i cui neuroni usano come neurotrasmettitore la noradrenalina, grazie alla quale esso concorre all’attivazione del sistema simpatico (che controlla il battito cardiaco e il tono muscolare), della focalizzazione dell’attenzione e, di fronte a una minaccia, della risposta “combatti o fuggi”. Per questo il sistema noradrenergico (ossia dei neuroni che usano questo neurotrasmettitore) è uno dei principali bersagli dei farmaci contro il disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività e la depressione.

Studiando i livelli di espressione dei geni nel locus coeruleus in un gruppo di topi, Joseph D. Dougherty e colleghi hanno scoperto che l’attività di oltre 100 geni era molto differente nei maschi e nelle femmine….Continua su LeScienze>>