robertasinatra

Bravi, tenaci, ma anche amati dalla ‘dea bendata’.

La fortuna ha un ruolo, infatti, nella formula per prevedere la capacità di uno scienziato di produrre un’opera di alto impatto. E questo può accadere da giovani, ma anche alla soglia della pensione. Per prevedere l’andamento della carriera di uno studioso, però, “occorre tener conto del ruolo della fortuna”. Ne è convinta la matematica Roberta Sinatra del Center for Network Science and Mathematics Department, Central European University di Budapest (Ungheria), che ha pubblicato su ‘Science’ la sua ricerca sull’impatto della produzione scientifica dei ricercatori elaborando un modello matematico ad hoc, che tiene conto di talento (fattore Q) e fortuna (fattore p)….continua su:www.adnkronos.com/salute/2016/11/05/scienziata-del-fattore-ecco-come-prevedere-successi-carriera_GMtYG4tLpqx0BXjRTA5qQN.html