carol-bryan

«Ho iniziato con qualche iniezione di botulino per correggere le rughette tra gli occhi quando non avevo ancora 40 anni. Mi sono detta: “Perché no?

La donna ha raccontato la sua odissea e i tre interventi per rimediare ai terribili erroridi medicina estetica. «Ho vissuto nell’angoscia e nel dolore e per quattro anni non sono uscita di casa per la vergogna. Oggi grazie all’aiuto dei medici sono uscita dal tunnel»

«Credo che una delle regioni per cui Dio mi ha lasciato ancora in vita sia condividere con voi la mia storia, perché nessun’altra donna debba passare quello che ho sofferto io. Il mio nome è Carol Bryan, ho 54 anni, ho lavorato nel settore estetico per molti anni e mi considero molto informata». Inizia così la lunga lettera che questa donna americana qualche mese fa ha affidato a Women’s Health per raccontare il suo terrore, la sua vergogna e infine la sua rinascita dopo aver utilizzato filler sbagliati che l’hanno orribilmente sfigurata. Dopo la sua drammatica esperienza Carol ha scelto di collaborare con Face2FaceHealing, un’associazione che supporta tutte quelle persone che per malattie, ustioni, lesioni o errori della medicina estetica hanno subito deturpazioni al viso e vivono nell’angoscia e nel dolore di non essere più come prima, rendendo così pubblica la sua storia….
..continua su:www.corriere.it/salute/dermatologia/16_ottobre_21/storia-carol-sfigurata-filler-sbagliati-non-deve-succedere-piu-f98ad154-976c-11e6-bd66-b2bce124488b.shtml