L'apprendimento profondo della biologia

Una tecnica di intelligenza artificiale fornisce un potente strumento per il rilevamento e la classificazione dei dati biologici, e per lo sviluppo di modelli predittivi nel settore biomedico e in quello farmaceutico. Ma prima di poterla usare in modo esteso, i ricercatori devono vincere alcune sfide

Quattro anni fa gli scienziati di Google hanno bussato alla porta del neuroscienziato Steve Finkbeiner. I ricercatori facevano parte di Google Accelerated Science, una divisione di ricerca di Mountain View, in California, che mira a usare le tecnologie di Google per accelerare le scoperte scientifiche. Erano interessati ad applicare l’apprendimento profondo alle montagne di dati di imaging generati dal gruppo di Finkbeiner al Gladstone Institute of Neurological Disease a San Francisco, sempre in California. Una volta allenati, gli algoritmi possono usare questo addestramento per analizzare altri dati, a volte provenienti da fonti differenti.

Il gruppo di Finkbeiner produce valanghe di dati grazie a una strategia di imaging ad alta velocità nota come microscopia robotizzata, sviluppata per lo studio delle cellule cerebrali…..
Leggi l’articolo su Le Scienze: https://goo.gl/hFw3at