Discutiamone al Forum: www.forumdellalepolda.it/iscrizione

Sono passati ormai 5 anni da quando la rivista TIME dedicava la sua copertina all’affermazione di Ray Kurzweil lo scienziato e futurologo di Google che preconizzava il 2045 come l’anno in cui verrà sconfitto l’invecchiamento e quindi la principale causa di morte.
E’ l’alba di un nuovo paradigma per la medicina: La vecchiaia come malattia. E’ un fatto inequivocabile: le malattie croniche sono determinate dall’invecchiamento, rallentare sensibilmente l’invecchiamento cellulare rappresenta una soluzione sostenibile per un mondo che “invecchia” sempre più.
La strada della ricerca è lunga e uno di questi pionieri è Aubrey de Greybiogerontologo fondatore della SENS Foundation.
Se vivremo indefinitamente, saremo ancora umani?
Chi potrà permettersi tale possibilità?
Se tutti meritano di vivere per sempre, non tutti saranno in grado di sopportarlo.

Ora puoi leggere ‘La fine dell’invecchiamento’ di Aubrey De Grey in italiano

Ok, sono pur sempre 600 pagine di biogerontologia, ma potrebbe valerne la pena.

Source: motherboard.vice.com/it/article/z4zd3y/la-fine-dell-invecchiamento-de-grey-edizione-italiana