eventi

Venerdì 29
Ore 14.30

Responsabile scientifico
Giancarlo Comi

Le malattie neurodegenerative, fino ad oggi considerate incurabili, cominciano ad essere terreno di crescente conoscenza e lasciano intravedere prospettive sempre più concrete di cura e di guarigione.
Questi recenti sviluppi sono in parte legati allo sviluppo di nuovi biomarcatori specifici dei processi fisiopatologici o del danno nervoso, fondamentali in sperimentazioni cliniche di fase due per la individuazione di nuove terapie in grado di modificare il decorso della malattia. A ciò si aggiunge un concetto chiave per la terapia delle malattie degenerative: il danno nervoso va prevenuto intervenendo nelle fasi precoci di malattia.
Per affrontare e sconfiggere queste malattie complesse occorre studiare l’interazione tra genetica e ambiente e definire una strategia condivisa degli stakeholders, così da delineare, infine, le nuove prospettive terapeutiche.
“Malattie neurodegenerative, siamo a una svolta?” si propone proprio di sviluppare questo percorso, per poi affrontare il tema delle “nuove potenzialità della medicina rigenerativa” nella tavola rotonda conclusiva.

PROGRAMMA

Le forme progressive di sclerosi multipla sono trattabili
Giancarlo Comi Direttore Dipartimento Neurologico e INSPE-Istituto di Neurologia Sperimentale, Università Vita-Salute – Ospedale San Raffaele, Milano

L’immunoterapia della Malattia di Alzheimer
Carlo Ferrarese – Professore Ordinario di Neurologia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca

Ruolo dei ligandi nella diagnostica delle demenze
Daniela Perani Professore di Neuroscienze dell’Università di San Raffaele di Milano. Dirigente Medico Neurologo e radiologo, Ospedale San Raffaele Milano

Una cura per l’Amiotrofia Spinale
Eugenio Mercuri* Direttore Neuropsichiatria infantile (UOC) Policlinico Universitario A. Gemelli

Sclerosi Laterale Amiotrofica, una o molte malattie? Implicazioni terapeutiche
Adriano Chiò Professore Ordinario di Neurologia, Dipartimento di Neuroscienze “Rita Levi Montalcini” , Università degli Studi di Torino

I nuovi approcci terapeutici nelle distrofie muscolari
Nereo Bresolin Direttore Dipartimento Neuroscienze e Salute Mentale e Responsabile UOC Neurologia presso la Grande Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano. Professore odinario di Neurologia presso l’Università degli studi di Milano.

Parlare col cervello: la neuromodulazione
Letizia Leocani Professore associato di neurologia, responsabile contro Magis – Magnetic Intercelebral Simultion dipartimento neurologico e istituto di neurologia sperimentale (INSPE), Università Vita – Salute San Raffaele e IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano

*in attesa di conferma

Le nuove potenzialità della medicina rigenerativa 

A che punto siamo con le terapie con cellule staminali, utilizzate ad esempio per le cartilagini delle articolazioni o per le malattie neurodegenerative?

Intervengono
Antonio Uccelli – Direttore Centro di Eccellenza per la Ricerca Biomedica (CEBR) – Università di Genova; Responsabile Centro per la Ricerca e la Cura della Sclerosi Multipla. Dipartimento di Neuroscienze, Riabilitazione, Oftalmologia, Genetica e Scienze Materno-infantili (DINOGMI) – Università di Genova
Gianvito Martino – Direttore scientifico dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano
Alberto Albanese – Responsabile Neurologia Istituto Clinico Humanitas
Letizia Mazzini – Responsabile Centro Esperto SLA, Clinica Neurologica Università del Piemonte Orientale, Novara