Rischiare la bancarotta per un cancro. In alcuni Paesi può accadere a una persona perché troppo povera per pagarsi le cure o un’assicurazione, in altri a un servizio sanitario nazionale costretto a scegliere chi trattare per sopravvivere. Ma in entrambi i casi la scelta è tra la vita e la morte e il problema alla base è il costo dei nuovi farmaci, “di gran lunga troppo alto”, spesso anche rispetto ai vantaggi promessi. Il tema è caldo e gli esperti dell’Eha – l’Associazione europea di ematologia che dal 14 al 17 giugno tiene a Stoccolma il suo 23esimo Congresso annuale – ci ritornano con una novità: la “formula del prezzo giusto” per i medicinali innovativi, anticancro e non solo. L’algoritmo tiene conto, fra le altre, di una voce chiave e cioè i benefici clinici. “Benefici più alti, prezzi più alti”…Continua su AdnKronos>>