Un gruppo di ricerca spagnolo è riuscito a inattivare 35 geni del grano che producono proteine tossiche per i celiaci, riducendo dell’85 per cento la loro tossicità.

L’obiettivo di produrre un grano che sia consumabile anche dai celiaci si fa quindi molto vicino, come spiega Francisco Barro, il genetista che ha firmato il lavoro.

Il grano contiene decine di geni che producono proteine tossiche per i celiaci (gliadine). La tecnica di editing genomico CRISPR potrebbe consentire di eliminarli tutti e in Spagna sono già vicini al traguardo. I ricercatori dell’Istituto per l’agricoltura sostenibile di Cordova sono riusciti a inattivare fino a 35 di questi geni, riducendo l’immunoreattività (e dunque la tossicità) dell’85 per cento. L’obiettivo del cento per cento ora sembra a portata di mano. Ma il grano biotech “gluten free” sarà buono? E riuscirà ad arrivare sul mercato? Lo abbiamo chiesto a Francisco Barro, il genetista che ha firmato il lavoro pubblicato recentemente su “Plant Biotechnology Journal”…Leggi l’articolo su LE SCIENZE: www.lescienze.it/news/2017/10/16/news/crispr_pane_senza_glutine_barro-3710830/