Un viaggio alla scoperta dell’inizio della vita. Dopo 13 rapidi divisioni, un ovulo fecondato di moscerino è costituito da circa 6.000 cellule. Sembrano tutte uguali sotto il microscopio, ma ogni cellula di un embrione di Drosophila melanogaster già sa se è destinata a diventare un neurone o una cellula muscolare, oppure parte dell’intestino, della testa o della coda dell’insetto.

Ora i ricercatori diretti da Nikolaus Rajewsky e Robert Zinzen, dell’Istituto di biologia dei sistemi di Berlino (Bimsb) del Max Delbrück Center (Mdc), hanno analizzato i profili di espressione genica di migliaia di singole cellule e riassemblato l’embrione utilizzando un nuovo algoritmo di mappatura spaziale. Il risultato è un embrione di moscerino virtuale, che mostra esattamente quali geni sono attivi in ​​quel dato momento….Leggi l’articolo su ADNKRONOS: www.adnkronos.com/salute/medicina/2017/08/31/ricostruita-vita-suo-inizio-cellula-per-cellula_OX4D3HodXoQaMJlH4jfOKP.html

IL FUTURO DELLA SALUTE E DELLA MEDICINA, FIRENZE29-30 SETTEMBRE. ISCRIZIONE PER LA PARTECIPAZIONE GRATUITA: https://goo.gl/gdRh7j