9 punti irrinunciabili sulle gare di outsourcing per la Gestione delle Apparecchiature Biomediche

Sì ad un’Italia in linea con l’Europa, che chiede di innalzare gli standard di sicurezza ed efficacia per i dispositivi medici, no invece a considerare gestione e manutenzione un aspetto secondario. Si alle professionalità qualificate, alle diversità organizzative e invece no a un outsourcing (cioè un’esternalizzazione) privo di controllo e alla scontistica selvaggia. Questi alcuni dei nove punti di un manifesto “per la sicurezza dei pazienti e l’equilibrato governo delle tecnologie nell’Ssn ” messo a punto dall’Aiic (Associazione Italiana Ingegneri Clinici). Le tecnologie biomediche sono sempre più importanti ed essenziali nei processi di cura spiegano gli esperti. Le apparecchiature vengono valutate intorno a 11 miliardi di euro e per mantenerle correttamente c’è una spesa che si valuta in circa 700 milioni annui. Se questa spesa viene continuamente rivista al ribasso il rischio è che le macchine non siano correttamente mantenute…..leggi l’articolo su ANSA

il manifesto