Complesso intervento grazie a un donatore

Sembra aver avuto successo il trapianto di pene e di scroto eseguito su un reduce dalla guerra in Afghanistan che aveva perso l’organo, l’area intorno al pene e le gambe, in un’esplosione di una bomba. L’intervento, durato 14 ore, è stato condotto alcune settimane al Johns Hopkins university hospital di Baltimora che l’ha resa nota solo oggi.
Il paziente – ha fatto sapere una nota dell’ospedale – sta bene e dovrebbe tornare a casa in settimana.
Grazie ad un donatore, il team di chirurghi che si era preparato per il complesso intervento per 5 anni, ha potuto portare a compimento l’operazione sotto la guida di Andrew Lee, direttore del dipartimento di ‘Plastic and Reconstructive Surgery’. L’intervento di impianto dell’organo donato ha coinvolto anche lo scroto e le pareti dell’addome del reduce di guerra…Continua su ANSA>>