Ma i parenti di chi si ammala raramente vengono sottoposti a questa analisi (ANSA)

Sono 18 mila i tumori allo stomaco attesi per il prossimo anno e’ di questi il 2-3% e’ genetico. Un test permette di capire la predisposizione a sviluppare la malattia ma i parenti di chi si ammala raramente vengono sottoposti a questa analisi.

Recentemente è stata definita una rara forma di cancro gastrico diffuso e ereditario, legata a mutazioni germinali del gene CDH1 che conferiscono un aumentato rischio di sviluppare non solo il carcinoma gastrico diffuso ma anche, nelle donne, il carcinoma lobulare della mammella. E’ possibile ricercare le mutazioni germinali del gene CDH1 attraverso un test genetico (su sangue o su tessuto tumorale) che viene effettuato dopo un’adeguata consulenza geneticaIdentificare tali mutazioni è di fondamentale importanza, perché permette di mettere in atto misure preventive volte a diminuire il rischio di insorgenza neoplastica…Leggi l’articolo su ANSA:www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2017/11/10/tumore-allo-stomaco-un-test-per-salvarsi-da-quello-genetico_42b3ea4e-c0e9-4cfa-8ee4-139cedb4fe13.html