La realizzazione di una piattaforma informatica finalizzata all’accesso a nuove terapie in fase di sperimentazione clinica

E’ l’obiettivo dell’Istituto oncologico universitario nato all’Università Sapienza di Roma. Sarà il rettore Eugenio Gaudio a presentare il progetto in apertura del convegno ‘Sapienza Meets MD Anderson Cancer Center’, una due giorni (giovedì 17 e venerdì 18 maggio) organizzata insieme al centro di Houston (Texas), punto di riferimento mondiale nella lotta contro il cancro e all’avanguardia nell’utilizzo dei ‘big data’ in campo medico-sanitario.

“Abbiamo a disposizione moltissimi dati – spiega Eugenio Gaudio – la sfida che tutti dobbiamo affrontare è analizzarli, inserirli in un contesto e interpretarli per metterli a servizio della Salute della popolazione. Applicare questo concetto ai trial clinici significa da un lato accorciare la filiera che dal microscopio e dal laboratorio arriva al paziente, e contestualmente elaborare terapie che possano combattere tempestivamente le patologie oncologiche”. Così il rettore delinea la strategia che oggi dovrebbe guidare l’attività medica, offrendo un orizzonte sostenibile ed efficace in termini sanitari e in quelli della ricerca farmaceutica.

“Questo progetto potrà offrire la migliore possibilità di cura a tutti coloro che si rivolgono alle strutture universitarie diffuse sul territorio, in primis Umberto I e Sant’Andrea, ma anche il Polo di Latina – spiega Sebastiano Filetti, preside della Facoltà di Medicina e odontoiatria – consentendo di indirizzare i pazienti verso la terapia più appropriata, ma soprattutto di proporre loro un percorso organizzato di sperimentazione clinica a livello nazionale, ponderato a misura di ognuno”….Per approfondire>>