Asco 2018, otto italiani tra migliori giovani oncologi internazionali

Diffondere le scoperte della ricerca ed espandere i risultati della medicina di precisione: questi gli obiettivi dichiarati – fin nel titolo – del meeting annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO, 1-5 giugno), che si apre in questi giorni a Chicago. Si tratta del più importante evento mondiale dedicato alla ricerca ed alle nuove frontiere terapeutiche della lotta alle neoplasie. Nello specifico il focus sulla precision medicine è stato indicato dal presidente degli oncologi americani, Bruce Johnson, come obiettivo di una comunità medico-scientifica che è orientata oggi più che mai a non “trattenere o disperdere i risultati della ricerca”, ma a “finalizzarli il più possibile a beneficio del singolo paziente”. Al centro dell’attenzione ci saranno gli sviluppi dell’immunoncologia e della biopsia liquida, che sono negli ultimi anni gli elementi chiave delle speranze, laddove parlare di “medicina di precisione” sta diventando il nuovo e positivo mantra di chi si occupa di oncologia. In particolare grandi attese vengono nell’ambito dei tumori al polmone, una delle patologie più devastanti, dove sono stati annunciati importanti risultati da studi e trials internazionali attualmente in atto….Continua>>

Di |2018-05-30T19:51:44+00:0030/5/2018|2018, News|