Il virologo Andrea Crisanti fa il punto ai microfoni di Radio Capital: “Errori di valutazione all’inizio. Conte dice che rifarebbe le stesse cose? Io resto sorpreso”.

“La maggior parte delle persone che ha gestito quest’epidemia l’ha vista in tv e l’ha continuata a vedere in tv. Avrei trasferito gli uffici della Protezione Civile, del direttore dell’Istituto Superiore di Sanità, del consigliere del governo a Milano o a Bergamo, per vedere quello che stava succedendo sul territorio. Forse si sarebbero resi conto della dimensione del problema”: questo ha affermato Andrea Crisanti, professore ordinario di microbiologia all’Università di Padova, ai microfoni di Circo Massimo su Radio Capital.

Secondo il professore, c’è stato un grosso errore di valutazione all’inizio: «I dati stavano davanti agli occhi tutti. A Vo’ Euganeo, il 20 febbraio, c’era il 3% della popolazione infetta. Un dato che, trasportato su scala nazionale, dà la cifra di un milione e mezzo di persone».

Per il microbiologo, «la battaglia contro l’epidemia va vinta sul territorio»: è necessario identificare le persone infette, sia sintomatiche sia asintomatiche e isolarle. «In questo momento c’è ancora trasmissione: i casi non diminuiscono, abbiamo una leggera diminuzione nel numero dei morti.

Ma come mai, nonostante tutte queste misure di restrizione, abbiamo ancora trasmissione? Ci si è chiesto se tutte queste persone che sono malate a casa hanno un impatto sulla trasmissione ad altri membri della famiglia? – osserva il professore ordinario di microbiologia all’Università di Padova a Radio Capital – noi abbiamo sotto gli occhi gli esempi opposti di Vo’ Euganeo e della nave Diamond Princess.

A Vo’, dopo il primo caso, abbiamo testato tutti, abbiamo visto dove stava l’infezione e abbiamo messo i casi in isolamento. Sulla Diamond Princess hanno usato l’approccio contrario. Hanno aspettato che una persona si sentisse male per portarla via dalla nave e questo ha creato il disastro con decine di casi.

Il problema è che questa trasmissione residua avviene nelle case, amplificato dal fatto che molte persone malate sono rimaste a casa senza diagnosi».

Quando e come ripartire? Secondo il prof. Crisanti “bisogna cominciare da subito a prepararsi per quel momento, è impensabile ritenere che si ripartirà quando tutti i casi saranno identificati. Bisognerà ripartire con un rischio accettabile, significa che adesso dobbiamo prepararci, producendo e stoccando dispositivi di sicurezza come mascherine e aumentare drammaticamente la capacità di fare tamponi per verificare la presenza degli anticorpi“. “Si può ripartire solo quando avremo messo in piedi una struttura di protezione e una rete di controllo, altrimenti scoppia un’epidemia ancora peggiore di quella che abbiamo adesso

La preparazione necessaria per la ripartenza consiste nelle tre ‘D’: Diagnostica, Dati e Dispositivi”.

L’articolo completo su Huffingtonpost.it>>