CRISPR, l’editing incontra l’epigenetica

Dall’incontro tra la tecnica di editing CRISPR e l’epigenetica – lo studio delle modificazioni che influiscono sul funzionamento dei geni e non sulle lettere che li compongono – arriva la prima dimostrazione che è possibile cambiare le caratteristiche fisiche di un animale, correggendo tre malattie genetiche, senza cambiarne il DNA.

Correggere tre malattie genetiche senza cambiare neppure una lettera del DNA. Può sembrare impossibile ma per riuscirci è bastato far incontrare le due tendenze più calde della ricerca in biomedicina. Una è la tecnica CRISPR, che consente di intervenire in modo mirato sui geni bersaglio grazie all’utilizzo di una macchina molecolare programmabile. L’altra è l’epigenetica, ovvero lo studio delle modificazioni chimiche che influiscono su accensione e spegnimento dei geni anziché sulla successione delle loro lettere.
Da questa unione è nato un approccio che può essere chiamato editing epigenetico, perché le correzioni sono precise e puntuali come nella lavorazione editoriale di un testo (l’editing appunto), e perché avvengono a un livello che sta al di sopra di quello genetico (epi-genetico).

La prima dimostrazione in assoluto che è possibile modificare le caratteristiche fisiche di un animale preservando l’integrità del suo DNA è stata appena pubblicata sulla rivista “Cell” da un gruppo del Salk Institute for Biological Studies….

Leggi l’articolo su LE SCIENZE: www.lescienze.it/news/2017/12/11/news/crispr_epigenetica_dna_integro-3785818/

Di |2017-12-13T06:47:48+00:0013/12/2017|2017, News|