In due anni di pandemia è stato sviluppato un importante sistema di produzione di dati aggiornati sulla diffusione del Covid-19 e sulla capacità di risposta del Servizio sanitario nazionale ai bisogni delle persone contagiate e agli interventi di prevenzione.
Solo per fare alcuni esempi abbiamo potuto contare su una conferenza settimanale del Cts, su un rapporto settimanale del Cts, una dashboard giornaliera del ministero della Salute e della Protezione civile, un report quotidiano dell’Iss (epicentro), un cruscotto sull’andamento delle vaccinazioni nelle regioni, un portale covid-19 dell’Agenas, …
È decisamente diverso, invece, il quadro delle informazioni pubbliche sullo stato dell’assistenza garantita ai pazienti “non Covid”, a partire dalle persone con malattie croniche.
Su questo, i dati pubblicati e accessibili a ogni cittadino sono ancora troppo pochi e decisamente vecchi, a eccezione di quelli relativi ai consumi e alla spesa farmaceutica (aggiornamento costante e periodico) e a quelli dell’Osservatorio nazionale Screening sui programmi di screening organizzati (dati al 2021)….

L’articolo di Tonino Aceti continua su Sanità24>>