«Ho fatto un sogno l’Italia (digitale) unita»

L’ex manager di Amazon, oggi commissario straordinario per la digitalizzazione della Pubblica amministrazione, fa (con sincerità) il punto sulle cose fatte e le tante cose che restano ancora da fare. Senza dimenticare i casi virtuosi e insospettabili già in essere: come il comune di Gallarate.

Estate 2022. Anna è in metropolitana: una notifica sul suo telefono l’avvisa che è pronto il referto dell’esame che aspettava. Apre l’applicazione, entra con l’identità digitale Spid e legge la bellissima notizia nel proprio Fascicolo sanitario: gli esami confermano che è incinta del suo secondo bimbo! Che emozione!
Ah, guarda. Nei messaggi scopre che domani le consegneranno la nuova carta d’identità elettronica, tra le dieci e mezzogiorno.
Purtroppo le novità non sono tutte piacevoli: l’app le comunica che proprio oggi scade la Tari! E c’è un altro alert del Comune: ha solo cinque giorni per confermare l’iscrizione all’asilo di Luca. Tocca pagare l’anticipo. Meno male che ieri l’Inps le ha accreditato il Bonus Mamma nel borsellino digitale! Per fortuna in Parlamento hanno da poco rinnovato il Bonus: grazie alla Piattaforma digitale nazionale dati, gli esperti del ministero dell’Economia e dell’Inps hanno potuto prendere una decisione oggettiva, basata su strumenti di analisi big data. Per l’asilo privato serve anche il certificato di residenza, ma Anna lo può ottenere in un attimo grazie ai servizi esposti dall’Anagrafe nazionale. Mancano ancora tre fermate: c’è abbastanza tempo per fare tutto, inclusi i pagamenti, sempre con l’app. Si corre a casa a festeggiare! ….Continua su CorriereInnovazione>>

Se sei interessato all’innovazione digitale della Sanità italiana partecipa a www.swsanita.it 

Di |2018-05-12T11:14:09+00:0012/5/2018|2018, News|