Il Parkinson ha origine dall’intestino?

La prima prova che l’intestino potrebbe essere coinvolto nel Parkinson è emersa più di 200 anni fa. Nel 1817, il chirurgo inglese James Parkinson riferì che alcuni pazienti con una condizione che chiamava “paralisi agitante” sperimentavano stitichezza. In uno dei sei casi descritti, il trattamento dei disturbi gastrointestinali sembrava alleviare i problemi legati al movimento associati alla malattia.

Da allora, i medici hanno notato che la stitichezza è uno dei sintomi più comuni del morbo di Parkinson: si manifesta in circa metà degli individui ai quali è stata diagnosticata questa condizione e spesso precede l’insorgenza di disturbi del movimento….Continua su LeScienze>>

Di |2018-05-28T05:05:10+00:0028/5/2018|2018, News|