Istituto Nazionale Tumori CRO / IARC: Tiroide, il 70% dei tumori scoperti resta silente per tutta la vita

Studio congiunto tra Istituto Nazionale Tumori Cro di Aviano e Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro di Lione (IARC) pubblicato su European Journal of CancerIl notevole incremento di sovradiagnosi e sovratrattamenti è una.  preoccupazione per i sistemi sanitari dei Paesi ad alto reddito | Italia in testa alla graduatoria europea per i più alti tassi di incidenza (15 mila nuovi casi nel 2017)

Comunicato stampa

Aviano (PN), 21 marzo 2018 – È l’Italia il paese europeo in cima alla graduatoria per i più alti tassi di incidenza dei tumori della tiroide con circa 15 mila nuovi casi stimati nel 2017 (+74% nelle donne e + 90% negli uomini tra il 1998 e il 2012).  Tuttavia il dato più eclatante riguarda la quota dovuta alla sovradiagnosi – cioè quei tumori identificati a seguito di intensi accertamenti ma che non avrebbero comunque causato sintomi o decessi – pari a circa il 70% (75% nelle donne e 63% negli uomini).
È quanto emerge da uno studio coordinato dal Centro di Riferimento Oncologico di Aviano, in collaborazione con l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro di Lione e l’Associazione Italiana dei Registri Tumori (AIRTUM) pubblicato dalla rivista «European Journal of Cancer» organo ufficiale dell’EORTC (European Organisation for Research and Treatment of Cancer).

«In Italia sono emerse grandi differenze di incidenza tra le aree coperte dai Registri Tumori – precisa Luigino Dal Maso, epidemiologo del CRO di Aviano e coordinatore dello studio – differenze presenti in entrambi i sessi e in aumento nell’ultimo decennio.  Dei 9.000 nuovi casi diagnosticati in media ogni anno dal 1998 al 2012 in Italia , la sovradiagnosi è la spiegazione più probabile per circa 6.600 di essi». D’altro canto, la mortalità dopo una diagnosi di questo tumore è molto bassa (meno di un decesso per anno ogni 100 mila residenti) a fronte di 28 casi ogni 100 mila donne e 10 ogni 100 mila uomini. «L’aumento significativo di sovradiagnosi e sovratrattamenti per i tumori della tiroide – evidenzia Salvatore Vaccarella, epidemiologo all’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro di Lione – rappresenta una preoccupazione per i sistemi sanitari, in Italia come in molti paesi ad alto reddito. Segnali

dello stesso tipo di andamenti, cominciano ad emergere anche in alcuni paesi a reddito medio-basso. Al fine di evitare ai pazienti sovradiagnosi e trattamenti non necessari, è di vitale importanza valutare quali siano i migliori approcci per affrontare l’epidemia di tumori della tiroide».

I risultati dello studio suggeriscono la necessità di rivedere le pratiche correnti sconsigliando quelle di screening per tumore della tiroide a persone che non mostrano sintomi. Il lavoro è stato condotto grazie al supporto dell’Associazione Italiana per Ricerca sul Cancro (AIRC) e del Ministero della Salute (5X1000 CRO Aviano).

Di |2018-03-22T17:12:36+00:0022/3/2018|2018, News|