Per arrivare ai vaccini a RNA messaggero ci sono voluti vent’anni di ricerca finalizzati a un altro importantissimo obiettivo, la lotta contro il cancro. L’obiettivo degli scienziati all’inizio era quello di ottenere un vaccino terapeutico contro il cancro che fino a oggi non ha avuto il successo sperato. I vaccini a mRna non usano virus, ma sfruttano molecole di acido ribonucleico messaggero per «insegnare» alle nostre cellule come, nel caso di Sars-CoV2, assemblare la proteina Spike, che è la chiave con cui il virus responsabile di Covid-19 entra nell’organismo e lo infetta. La proteina Spike così assemblata viene riconosciuta come estranea dal sistema immunitario che, a sua volta, produce anticorpi neutralizzanti in grado di bloccare il coronavirus…

L’articolo su AGI>>