L’etica

[one_fifth last=”no” spacing=”yes” center_content=”no” hide_on_mobile=”no” background_color=”” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” hover_type=”none” link=”” border_position=”all” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”” animation_speed=”0.1″ animation_offset=”” class=”” id=””][imageframe lightbox=”no” lightbox_image=”” style_type=”none” hover_type=”none” bordercolor=”” bordersize=”0px” borderradius=”0″ stylecolor=”” align=”none” link=”” linktarget=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=”0.1″ animation_offset=”” hide_on_mobile=”yes” class=”” id=””] [/imageframe][/one_fifth][four_fifth last=”yes” spacing=”yes” center_content=”no” hide_on_mobile=”no” background_color=”” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” hover_type=”none” link=”” border_position=”all” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”” animation_speed=”0.1″ animation_offset=”” class=”” id=””]

A cura di
WHIN – Web Health Information Network

Responsabile scientifico
Mario Pappagallo – Giornalista

 

Medici e pazienti sono sempre più “connessi”: Internet, App e Social Media sono entrati nella loro vita quotidiana, consentendo di aumentare l’empowerment del paziente e di rendere più efficace l’interazione tra quest’ultimo e il proprio medico. In parallelo trovano ampia cassa di risonanza “bufale” o stili di vita errati e non scientifici o culture anti-scientifiche. Anche le Istituzioni sembrano aver finalmente compreso l’importanza del digitale in Sanità, ma la lentezza e la complessità di realizzazione dei progetti di innovazione a livello aziendale e regionale rischia di minarne l’efficacia. Per non disperdere le scarse risorse a disposizione, occorre intervenire urgentemente, promuovendo la diffusione congiunta e coerente di soluzioni e servizi digitali, che tengano ben presente le reali esigenze di medici e pazienti e sfruttino appieno le opportunità offerte dalle nuove tecnologie disponibili. In più occorre arrivare a fissare delle regole specifiche per l’informazione medico-scientifica in Rete e sui social, in grande maggioranza proposta da chi non è sottoposto a regole deontologiche ordinistiche. Dibattere il tema è urgente, proporre e attivare soluzioni ancor di più.

Giornalismi e disintermediazione dell’informazione nell’era digitale
Diomira Cennamo – Giornalista di Scomunicare 

Oltre gli allarmismi: la Biosicurezza in salotto

Comunicare il Comitato della Presidenza del Consiglio
Marco Merola – Responsabile Comunicazione del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita, Presidenza del Consiglio dei Ministri

Come difendersi nel Far West delle dis-informazioni
Tonino Aceti – Coordinatore Nazionale Cittadinanzattiva

Le associazioni di pazienti e le “bufale” medico-scientifiche
Ilaria Ciancaleoni Bartoli – Direttore dell’Osservatorio malattie rare O.Ma.R

La corretta informazione medico-scientifica su web
Daniele Amoruso – Giornalista

Il giornalista medico scientifico è in via di estinzione o di trasformazione?
Beatrice Curci –  Giornalista

[/four_fifth]
Di |2017-07-08T15:23:47+00:008/7/2017|Forum della Leopolda|