Licenziata dopo il cancro, la storia di Giuseppina

“Mi batto per il mio posto, perché per me il lavoro al Piccolo Cottolengo Don Orione di Milano è stato tutto e l’ho fatto per 33 anni con amore. Ma anche per tutti i malati che si trovano a essere ‘buttati via’ e che subiscono una doppia sofferenza invece di essere aiutati ad andare avanti”.

Giuseppina, 53 anni, un tumore alle spalle, licenziata dalla struttura del capoluogo lombardo, si racconta. Il suo caso è stato denunciato dal Sindacato generale di base Sgb Lombardia nei giorni scorsi e ieri è partita una lettera appello indirizzata dalla donna a Papa Francesco, all’arcivescovo di Milano Mario Delpini e al direttore del Piccolo Cottolengo Don Orione, Pierluigi Ondei….Continua su AdnKronos>>

Di |2018-05-04T10:06:28+00:004/5/2018|2018, News|