Tumore al seno metastatico, ecco la 52enne che lo ha messo ko

I medici, dopo diversi trattamenti, le avevano dato qualche mese di vita. Poi la svolta. Grazie a una tecnica pioneristica di immunoterapia, pubblicata su Nature Medicine

Sono passati ormai due anni – ancora pochi rispetto ai cinque necessari per considerarsi guarita – e però del tumore, in Judy Perkins, sembra non esserci più traccia. A questa donna, ingegnere americano di 52 anni, erano stati prognosticati soltanto tre mesi di vita: la sua diagnosi era “carcinoma mammario in stadio avanzato”. Tutte le terapie convenzionali avevano fallito e le metastasi si erano ormai diffuse in tutto il corpo.

Poi, però, la sua cartella clinica finisce sotto la lente di un team del National Cancer Institute (Usa) – uno dei centri di ricerca sul cancro più importanti al mondo – che testa su di lei una terapia sperimentale: gli esperti hanno “istruito” i suoi stessi linfociti (un tipo di cellule immunitarie) contro quattro proteine mutate a causa del cancro e li hanno poi iniettati nella paziente….Continua su Repubblica.it>>

Di |2018-07-15T12:00:39+00:0015/7/2018|2018, News|